Categoria: Fioriture > gli esercizi da praticare

Osservare, non giudicare: un esercizio di accoglienza

Rumi, il poeta mistico persiano vissuto nel tredicesimo secolo, scrisse: “Al di là delle idee di giusto e di sbagliato, c’è un campo. Vi aspetterò laggiù”. Siete mai andati in questo campo?

Esaminare la giornata: un esercizio di consapevolezza

Gli antichi, che la sapevano parecchio lunga, amavano monitorare la propria vita. Non buttarci un occhio, ogni tanto. Ma farlo con frequenza e regolarità.

Rileggere un classico: un esercizio di immaginazione

Chi non ama la fiction, alzi la mano. Bene: mi sembra che nessuno l’abbia alzata. La narrativa è da sempre onnipresente nella cultura mediale. E se svolgesse una funzione etica?

Fissare il proprio lessico morale: un esercizio di ricognizione

Non sarebbe appassionante redigere un nostro dizionario morale, in merito a come comunichiamo? Potremmo chiederci: quali sono i principi che mi permettono di raggiungere il bene?

Morire domani: un esercizio di autovalutazione

Come comunicate con una persona cara? E se domani, improvvisamente, moriste? Che ricordo le lascereste? Ecco un esercizio utile, prima di volare in cielo.

Darsi torto: un esercizio di flessibilità

Quante volte dovremmo imparare a sentirci meno convinti di qualcosa? Invece, siamo fissati con il voler avere ragione a tutti i costi. Ci incaponiamo proprio. E guai a chi ci contraddice.

Fare l’extraterrestre: un esercizio di avvicinamento

Quante volte pensiamo di essere dei fottuti geni di perspicacia? E crediamo di comprendere subito e alla perfezione quanto gli altri ci stanno comunicando? Troppe, ahinoi.

Riequilibrare il giudizio: un esercizio di equità

Vi ricordate della piuma di Maat? Ecco, se pesassimo il nostro giudizio su fatti, cose e persone, sarebbe un vero e proprio macigno. Schiacciante e, soprattutto, squilibrato.